Camillo Cardinal Ruini Camillo Cardinal Ruini
Function:
Cardinal Vicar of Roma, Italy
Title:
Cardinal Priest of S Agnese fuori le mura
Birthdate:
Feb 19, 1931
Country:
Italy
Elevated:
Jun 28, 1991
More information:
www.catholic-hierarchy.org
Send a text about this cardinal »
View all articles about this cardinal »
Italian “NON PRECLUSIONE, MA APERTURA AL SENSO RELIGIOSO”
Feb 20, 2009

Solo una laicità correttamente intesa “sembra realmente corrispondere alle esigenze attuali del bene comune, perché capovolge quelle tendenze che sembrano compiacersi di prosciugare le riserve di energia vitale e morale di cui vive ciascuno di noi, il nostro popolo e l’intero Occidente, senza darsi pensiero di come sostituirle”: lo ha affermato ieri sera a Genova il cardinale Camillo Ruini, presidente del comitato per il progetto culturale della Cei, in occasione dell'incontro dal titolo “Laicità e bene comune” che si è svolto in una cattedrale di San Lorenzo gremita, alla presenza dell'arcivescovo e presidente della Cei, cardinale Angelo Bagnasco, del fondatore della comunità di Sant'Egidio, Andrea Riccardi, e del direttore de “Il Sole 24 Ore” Ferruccio De Bortoli. Nel suo intervento, il porporato ha affermato che percepire il “valore decisivo di queste riserve di energie è invece ciò che accomuna oggi molti cattolici e laici e che, a mio parere, indica un grande compito comune che ci attende”. Ruini ha poi rivendicato il diritto delle religioni ad esprimersi “sulle grandi problematiche etiche ed antropologiche”. “Sarebbe strano – ha affermato - che le grandi religioni non intervenissero al riguardo e non facessero udire la loro voce sulla scena pubblica”.
Per quanto riguarda il rapporto tra laicità e bene comune, ha spiegato ancora il card. Ruini, è necessaria una laicità “sana” e “positiva” che “congiunga all’autonomia delle attività umane e all’indipendenza dello Stato, non già la preclusione, ma l’apertura nei confronti delle fondamentali istanze etiche e del 'senso religioso' che portiamo dentro di noi”. Infatti, ha spiegato ancora Ruini, “quando è intesa come autonomia delle attività umane, che devono reggersi secondo norme loro proprie, e in particolare come indipendenza dello Stato dall’autorità ecclesiastica, la laicità è certamente richiesta dal bene comune, come del resto ha ampiamente mostrato la storia dell’Europa moderna”. “Diverso – ha continuato – è il discorso quando il concetto di laicità viene esteso ad escludere ogni riferimento delle attività umane, e in particolare delle leggi dello Stato e dell’intera sfera pubblica, a quelle istanze etiche che trovano il loro fondamento nell’essenza stessa dell’uomo, oltre che a quel 'senso religioso' nel quale si esprime la nostra costitutiva apertura alla trascendenza”. Questo è un errore, ha spiegato ancora il card. Ruini, perché “lo Stato liberale secolarizzato vive di presupposti che esso stesso non può garantire e tra questi sembrano svolgere un ruolo peculiare gli impulsi e i vincoli morali di cui la religione è la sorgente”.
39 READERS ONLINE
INDEX
RSS Feed
back to the first page
printer-friendly
CARDINALS
in alphabetical order
by country
Roman Curia
under 80
over 80
deceased
ARTICLES
last postings
most read articles
all articles
CONTACT
send us relevant texts
SEARCH