Camillo Cardinal Ruini Camillo Cardinal Ruini
Function:
Cardinal Vicar of Roma, Italy
Title:
Cardinal Priest of S Agnese fuori le mura
Birthdate:
Feb 19, 1931
Country:
Italy
Elevated:
Jun 28, 1991
More information:
www.catholic-hierarchy.org
Send a text about this cardinal »
View all articles about this cardinal »
Italian Aborto, Ruini: "Doveroso cambiare la legge"
Sept 05, 2007
Il cardinale: "La 194 è di quasi trenta anni fa e deve essere aggiornata sulla base della grande trasformazione prodotta dal progresso medico e scientifico".

Roma, 4 set. (Adnkronos/Ign) - "La legge è di quasi trenta anni fa, e risente anche della grande trasformazione prodotta dal progresso medico e scientifico. Cercare di dare un'interpretazione che la aggiorni a questo progresso, e quindi non la peggiori ma la migliori, è non soltanto lecito ma anche doveroso". Lo ha affermato il cardinale Camillo Ruini, vicario del papa a Roma, nel corso di una lectio magistralis alla Summer School orgtanizzata a Frascati della Fondazione Magna Carta presieduta dal senatore di Forza Italia Gaetano Quagliariello, in occasione della presentazione del libro 'Verità di Dio e verità dell'uomo. Benedetto XVI e le grandi domande del nostro tempo', edito da Cantagalli.

"La questione dell'applicazione di tipo eugenetico di questa legge - ha detto ancora Ruini - è enorme, e presenta nodi culturali profondi, relativi all'idea che meriti di essere vissuta solo la vita che è biologicamente sana, biologicamente integra".

''Ogni persona - ha concluso Ruini - ha i suoi diritti, e quindi io riconosco che una persona che sui principi non negoziabili abbia un'idea opposta alla mia ha il diritto di proporre le sue posizioni; ma io proporrò le mie, soprattutto se le ritengo positive per l'uomo".

Immediate le reazioni alle parole del cardinale. "La legge 194 ha contribuito a ridurre gli aborti nel nostro Paese - ha detto il ministro per le Pari Opportunità, Barbara Pollastrini -. Mi capita spesso, in Europa, di vedere elogiata per equilibrio e lungimiranza questa norma frutto, non a caso, di un alto confronto culturale e politico nel Parlamento e nella società italiani. Semmai, è una legge da applicare ancora di più in termini di prevenzione, con l'estensione della rete dei consultori pubblici, con politiche sociali e di informazione, rivolte soprattutto alle immigrate e alle giovani".

"Naturalmente, il progresso nei campi della medicina e della tecnologia può offrire ulteriori strumenti e conoscenze utili alla prevenzione. Mi amareggia leggere che donne e coppie che ricorrono, sempre in condizione di grande sofferenza, all'interruzione volontaria di gravidanza possano essere considerate come persone che inseguono obiettivi di eugenetica. Non difendo questa legge solo in nome di sacrosanti principi di laicità , ma la difendo anche in nome della libertà, della responsabilità e della dignità delle donne", conclude Pollastrini.

Di parere opposto Barbara Saltamartini, coordinatrice nazionale del dipartimento Pari opportunità di An e membro dell'esecutivo nazionale del partiti. ''La legge 194 necessita di un tagliando - sottolinea - I progressi della scienza in materia impongono infatti una revisione della norma e soprattutto la necessità di fare chiarezza nel rapporto tra diagnosi prenatale e applicazione della legge stessa per evitare che dalla necessità clinica di un aborto terapeutico si arrivi ad una arbitraria selezione genetica''.

E in Parlamento continua la discussione. Il centrodestra ha presentato quattro proposte di legge per intervenire sulla legge che regola l'interruzione volontaria di gravidanza.

Le iniziative legislative messe in campo soprattutto dai centristi della Cdl mirano ad incidere profondamente sulle norme che regolano l'interruzione volontaria di gravidanza, puntando essenzialmente sul ruolo e le funzioni dei consultori, ma non solo. A guidare la carica è il capogruppo dell'Udc a Montecitorio Luca Volontè, primo firmatario di tre delle cinque proposte di legge dell'opposizione che attendono il vaglio delle commissioni parlamentari. A palazzo Madama i ddl per la modifica di alcune parti della 194 portano la firma del senatore dell'Udc Maurizio Eufemi e del presidente del partito Rocco Buttiglione.

Non manca la risposta del centrosinistra, con tre pdl presentate alla Camera dal deputato della Sinistra democratica Franco Grillini, dalla Verde Luana Zanella e da Maurizio Turco della Rosa nel pugno. In tutti e tre i casi si tratta di modificare in senso più 'liberalizzatore' il testo della 194, prevedendo ad esempio più spazio, 'garantito', nelle strutture sanitarie ai medici obiettori e facilitando l'accesso alle misure contraccettive.

Ma la proposta dai contenuti piu' 'forti' è senza dubbio quella, avanzata da Volontè, che introduce nel codice penale il reato di procurato aborto, punibile con l'ergastolo.
52 READERS ONLINE
INDEX
RSS Feed
back to the first page
printer-friendly
CARDINALS
in alphabetical order
by country
Roman Curia
under 80
over 80
deceased
ARTICLES
last postings
most read articles
all articles
CONTACT
send us relevant texts
SEARCH