Camillo Cardinal Ruini Camillo Cardinal Ruini
Function:
Cardinal Vicar of Roma, Italy
Title:
Cardinal Priest of S Agnese fuori le mura
Birthdate:
Feb 19, 1931
Country:
Italy
Elevated:
Jun 28, 1991
More information:
www.catholic-hierarchy.org
Send a text about this cardinal »
View all articles about this cardinal »
Italian Intervento del Cardinal Ruini su “Impresa e umanesimo cristiano”
Jul 03, 2006
In apertura del IV Simposio europeo dei Docenti universitari

ROMA, lunedì, 26 giugno 2006 (ZENIT.org).- Da giovedì 22 a domenica 25 giugno scorsi si è svolto a Roma il IV Simposio europeo dei Docenti universitari sul tema “L’impresa e la costruzione di un nuovo umanesimo”, promosso dall’Ufficio della Pastorale Universitaria del Vicariato di Roma e organizzato dall’Università Cattolica del Sacro Cuore.

I lavori, a cui hanno preso parte 250 docenti universitari provenienti da 25 Paesi europei e non, sono stati introdotti dal Cardinale Camillo Ruini, Vicario generale della Diocesi di Roma e Presidente della Conferenza Episcopale Italiana, con un intervento sul tema “Impresa e umanesimo cristiano”.

Di seguito riportiamo il testo dell’intervento del Cardinal Ruini.

* * *

IV SIMPOSIO EUROPEO DEI DOCENTI UNIVERSITARI
Cardinale Camillo Ruini: Introduzione dei lavori
“Impresa e umanesimo cristiano”
Protomoteca del Campidoglio, 22 giugno 2006

Signor Ministro, gentili Autorità, chiarissimi Docenti, ci ritroviamo in questa Sala del Campidoglio per dare inizio ai lavori del IV Simposio europeo dei Docenti universitari. Desidero, anzitutto, manifestare la mia gratitudine al Comitato dei Docenti universitari e al loro non segreto animatore, Mons. Lorenzo Leuzzi, e rallegrarmi per la collaborazione, ormai consolidata, tra gli Atenei romani e in particolare tra le Facoltà di Economia. Vorrei rivolgere inoltre un sentito ringraziamento all’Università Cattolica del Sacro Cuore per la disponibilità ad assumere il non facile compito di coordinamento e di organizzazione.

Il titolo dato a questo mio piccolo intervento è assai impegnativo, “Impresa e umanesimo cristiano”, come impegnativo è il tema generale di questo Simposio. Personalmente oso dire qualcosa, oltre che per dovere di cortesia, come anziano “tuttologo” di antica matrice filosofica e teologica, ma anche di altrettanto antico interesse per i grandi temi dell’economia.

Sono ben noti gli studi sul rapporto storico tra il cristianesimo, protestante e cattolico, e la moderna economia d’impresa. Questi studi mantengono una grande importanza anche per un Simposio come questo, la cui ottica è rivolta piuttosto al futuro, ciò alla costruzione di un “nuovo umanesimo”: espressione che rischia di suonare scontata o velleitaria, ma che può avere una sua giustificazione e legittimità.

Io però devo dire qualcosa dell’impresa in rapporto all’umanesimo cristiano e quindi non posso evitare la domanda sulla natura, e sull’esistenza stessa, di questo umanesimo. A livello storico e fattuale la questione può apparire risolta, almeno in quanto si riconosca la matrice anche cristiana dell’umanesimo europeo. Ma la questione è stata problematizzata anche, e con peculiare radicalità, a livello teologico, a partire dalla trascendenza della salvezza cristiana rispetto alle singole culture e civiltà e dalla sua correlativa capacità di incarnarsi in ciascuna di esse.

Non voglio soffermarmi su questa questione, magari con il risultato di sottrarmi all’esame del rapporto tra l’umanesimo cristiano e l’impresa. Dirò dunque soltanto che, pur essendo innegabili, dal punto di vista della fede cristiana e della teologia, sia la trascendenza sia l’illimitata capacità di incarnazione del cristianesimo, è altrettanto vero che questa incarnazione non lascia le civiltà e le culture come stanno, ma le modifica profondamente e le trasforma, ed è anche vero che la direzione fondamentale di questa trasformazione è costante, dato che il suo motore e punto di riferimento è sempre anzitutto la persona, ben determinata, di Gesù Cristo.

Possiamo dire pertanto che ci sono, storicamente, molti umanesimi cristiani, a seconda che la spinta trasformatrice del cristianesimo si è esercitata in aree culturali tra loro diverse, e però anche che questi molti umanesimi cristiani hanno alcuni decisivi lineamenti comuni, e in questo senso è lecito parlare di un unico umanesimo cristiano, che si realizza in forme storicamente molteplici. I tratti comuni di tale umanesimo sono in radice tre: quello di esaltare la dignità dell’uomo – di ogni singolo uomo – al livello più alto possibile, come già sottolineava Hegel, in riferimento all’intelligenza e alla libertà umana e soprattutto alla figliolanza divina donata all’uomo in Gesù Cristo; quello di riconoscere al contempo la radicale debolezza dell’uomo e la sua necessità di essere salvato, ossia l’impossibilità per lui di una auto-salvezza, come insegnano San Paolo, Sant’Agostino e poi Biagio Pascal, che evidenzia il paradosso della grandezza e miseria dell’uomo; quello infine di affermare ed esigere che sia messo in pratica il vincolo di fraternità, universale e concreta, che unisce l’intera famiglia umana in Cristo, anche qui secondo l’insegnamento di San Paolo che in Cristo siamo un unico corpo e pertanto membra gli uni degli altri.

A questo punto possiamo ritornare sul rapporto con l’impresa e anche sulla questione del “nuovo umanesimo”. Non spiegherò a voi cos’è l’impresa moderna, quali possono essere i suoi attuali sviluppi e prospettive. Richiamerò soltanto l’affermazione dell’Enciclica Centisimus annus (n.32) che l’uomo stesso è “la principale risorsa dell’uomo” e “il fattore decisivo” dello sviluppo e della stessa produzione di beni: affermazione che mi sembra oggi largamente condivisa. Se è vero questo, la formazione della persona è una finalità “interna” dell’impresa, qualcosa che appartiene costitutivamente al suo dinamismo e alla sua etica intrinseca, non solo e non primariamente una norma che le viene “da fuori”, da esigenze etiche o religiose o sociali o politiche a lei estrinseche.

Dato che la personale non esiste se non nel contesto di una società e finalmente di una civiltà, non solo la formazione della persona ma il contributo alla costruzione di una civiltà “umanistica”, nella quale cioè la persona umana sia il valore centrale, sempre il fine e mai il mezzo, come insegna Kant, rientra anch’esso nelle finalità e nell’etica “interna” dell’impresa. Reciprocamente, tutto ciò che contribuisce alla formazione della persona e alla costruzione di una civiltà umanistica giova, almeno tendenzialmente, all’affermarsi del sistema delle imprese.

Se teniamo conto del grandissimo potenziale innovativo che è proprio dell’impresa e dell’economia d’impresa, non sembra difficile concordare che un umanesimo il quale cresca e si affermi nel contesto di una civiltà la cui fondamentale forma di organizzazione economica è l’economia d’impresa, sarà un umanesimo almeno parzialmente nuovo rispetto a quelli precedenti. Ciò diventa ulteriormente chiaro alla luce del legame tra impresa e scienze moderne, con le connesse tecnologie e con il loro enorme dinamismo innovativo.

Aggiungo una parola per tornare all’aggettivo “cristiano”, che è stato posto nel titolo del mio intervento. Si può discutere se l’economia d’impresa spinga verso un umanesimo che possa dirsi cristiano, che abbia cioè quelle tre caratteristiche di fondo a cui ho accennato prima: esaltazione della dignità della persona, riconoscimento della sua debolezza e del bisogno di essere salvati, vincolo di fraternità universale e concreta. Mi sembra però che da parte sua un umanesimo con queste caratteristiche sia un terreno quanto mai favorevole alla crescita e alla salute di lungo periodo dell’economia d’impresa, e perciò alla fine anche l’economia d’impresa abbia almeno un “interesse interno” a favorire la crescita di un tale umanesimo, nel rispetto della libertà delle persone e dei corpi sociali, e in particolare della libertà religiosa. Il mio auspicio per questo Simposio è che esso possa stimolare l’approfondimento di questi reciproci rapporti.
52 READERS ONLINE
INDEX
RSS Feed
back to the first page
printer-friendly
CARDINALS
in alphabetical order
by country
Roman Curia
under 80
over 80
deceased
ARTICLES
last postings
most read articles
all articles
CONTACT
send us relevant texts
SEARCH