Paul Joseph Jean Cardinal Poupard Paul Joseph Jean Cardinal Poupard
Function:
President of Culture, Roman Curia
Title:
Cardinal Priest of S Prassede
Birthdate:
Aug 30, 1930
Country:
France
Elevated:
May 25, 1985
More information:
www.catholic-hierarchy.org
Send a text about this cardinal »
View all articles about this cardinal »
Italian Intervista con il cardinale Poupard
Sept 05, 2007
Il futuro della Chiesa si gioca nell'incontro con le culture.

(Radio Vaticana, 04/09/2007) Ieri il Papa ha nominato come nuovo presidente del Pontificio Consiglio della Cultura mons. Gianfranco Ravasi, finora prefetto della Biblioteca Ambrosiana. Mons. Ravasi succede al cardinale Paul Poupard, che lascia un incarico che ricopriva dal lontano 1988. Il porporato francese nel 1985 era stato nominato da Giovanni Paolo II presidente del Pontificio Consiglio per il dialogo con i non credenti, dicastero poi fuso nel 1993 con quello della Cultura. E dunque per oltre 20 anni ha guidato il dialogo della Chiesa cattolica con la società contemporanea. Ma che bilancio fare? Ci risponde lo stesso cardinale Poupard al microfono di Giovanni Peduto:

R. – E’ difficile fare un bilancio. La cosa essenziale è che adesso nella Chiesa c’è una percezione più grande della posta in gioco, che riguarda l’incontro della Chiesa con le culture. E’ proprio lì che si gioca il futuro della Chiesa e del mondo. E’ una cosa enorme, che si è tradotta in tante iniziative, sia per l’evangelizzazione delle culture che per l’inculturazione del Vangelo, le quali vanno di pari passo.


D. – Eminenza, come è cambiata la cultura in questi anni?


R. – In questi anni, prima di tutto, c’è un grande cambiamento nel mondo e si è visto emergere, più che nel passato, al di fuori dell’Europa, nella coscienza sia delle culture tradizionali africane, sia delle grandi tradizioni dell’Asia, sia nella realtà singolare della cultura latino-americana. Invece, in Occidente, c’è stata una secolarizzazione progressiva e una perdita di terreno forte da parte della cultura cristiana. Un impegno, dunque, sempre più incisivo viene richiesto alla Chiesa per rendere ai cattolici, ai cristiani, il senso e la fierezza della propria cultura e per non lasciarsi invadere dalla cultura mondana, secolarizzata, che torna ad essere pagana. C’è tutta una corrente che, in nome della laicità diventa laicismo e che vorrebbe respingere la cultura cattolica e cristiana anche dalla vita pubblica, come se fosse nemica dell’umanità, quando invece è tutto il contrario. Abbiamo visto nel grande dibattito sull’Europa questa afasia, amnesia, cioè questo dimenticare le radici culturali dell’Europa. In questo, nel futuro, forte, fortissimo sarà l’impegno della Chiesa per fronteggiare questa nuova problematica.


D. – Lei, Eminenza, è stato anche presidente del Pontificio Consiglio per il dialogo con i non credenti dal 1985 al ’93, anno della fusione del dicastero con quello della Cultura, nonché, anche se per breve tempo, presidente del Pontificio Consiglio per il dialogo interreligioso. Come dialogare oggi sia con chi è lontano da Dio e sia con chi non è cristiano?


R. – Devo dire che è stata mia convinzione dall’inizio che non si può dialogare se non ci sono valori condivisi da una parte e dall’altra. Ci vogliono dei valori comuni, un linguaggio comune e anche un ideale comune, altrimenti non è più un dialogo, ma un monologo.


D. – Eminenza, mons. Gianfranco Ravasi, chiamato a succederle, ieri dai nostri microfoni ha avuto parole di grandissimo elogio per lei e per l’opera che ha svolto in questi anni...


R. – Mons. Ravasi è un uomo di grande cultura. Mi rallegro molto che sia lui a raccogliere l’eredità che si è venuta a creare sullo slancio del Servo di Dio Giovanni Paolo II e sotto l’impulso di Papa Benedetto. E sono molto lieto di pensare che lui farà fruttificare questa eredità e che l’amplierà con la sua grande cultura biblica, umana, cristiana e tout court. E’ un vero dono per la Santa Sede e per la Chiesa.


D. – Eminenza, lei certamente non si fermerà. Cosa farà adesso?


R. – Adesso, prima di tutto andrò a presiedere, come previsto, il grande pellegrinaggio mariano diocesano per la Natività della Madonna, domenica prossima. Tornerò a Roma il 15 settembre e sarò ancora alla guida del dicastero fino al 15 ottobre, quando si farà il passaggio delle consegne con il mio successore. Sarò impegnato come sempre nei diversi dicasteri, ai quali partecipo: il dicastero per l’Evangelizzazione dei Popoli, per il Culto Divino, per l’Educazione Cattolica, per l’Unità dei Cristiani, dei Laici. Sarò poi impegnato in tante conferenze e interventi che mi sono stati richiesti. Il primo sarà proprio a settembre. Andrò a Crema per inaugurare una fondazione “Cardinale Poupard” che degli amici hanno voluto creare, per proseguire e ampliare la mia piccola opera in questo campo. L’indomani sarò a Brescia per presiedere il Convegno internazionale dell’Istituto Paolo VI di Brescia. All’inizio di ottobre parteciperò ad un altro convegno, per il 40.mo dell’Enciclica Populorum Progressio. Poi andrò al Convegno dell’Unione parlamentare europea e poi avrò altri impegni. Non dimenticando naturalmente le tante proposte perché continui a scrivere e condividere la mia esperienza e ampliare sempre più in un altro modo, ma nello stesso senso, quel dialogo salvifico della Chiesa con tutte le culture del mondo.
51 READERS ONLINE
INDEX
RSS Feed
back to the first page
printer-friendly
CARDINALS
in alphabetical order
by country
Roman Curia
under 80
over 80
deceased
ARTICLES
last postings
most read articles
all articles
CONTACT
send us relevant texts
SEARCH