Francis Cardinal Arinze Francis Cardinal Arinze
Function:
Prefect of Divine Worship and the Discipline of the Sacraments, Roman Curia
Title:
Cardinal Priest of S Giovanni della Pigna
Birthdate:
Nov 01, 1932
Country:
Nigeria
Elevated:
May 25, 1985
More information:
www.catholic-hierarchy.org
Send a text about this cardinal »
View all articles about this cardinal »
Italian Il Papa apre l'Anno Sacerdotale: intervista col cardinale Arinze
Jun 22, 2009

Il Papa – come abbiamo detto – inaugurerà questa sera nella Basilica di San Pietro l’Anno Sacerdotale. Benedetto XVI presiederà la celebrazione dei Secondi Vespri nella Solennità del Sacratissimo Cuore di Gesù, che saranno preceduti da un atto di venerazione delle reliquie del Santo Curato d’Ars. La nostra emittente seguirà in diretta l'evento a partire dalle 17.30. Nella Lettera pubblicata ieri per l’apertura di questo anno speciale il Pontefice propone a tutti i sacerdoti del mondo proprio l’esempio di San Giovanni Maria Vianney, che cercò di “incarnare la presenza di Cristo, testimoniandone la tenerezza salvifica”. Sui frutti che si attendono da questo Anno indetto dal Papa, ascoltiamo il cardinale Francis Arinze, prefetto emerito della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, al microfono di Alessandro Gisotti:

R. – Possiamo aspettarci molti frutti: la riflessione da parte dei sacerdoti e anche dagli altri membri nella Chiesa, religiosi e laici, e la preghiera perché è da Dio che viene la forza di seguire Gesù. Possiamo attenderci anche seminaristi più determinati e meglio formati.

D. - Nella Lettera per l’apertura dell’Anno Sacerdotale il Papa sottolinea che abbiamo bisogno di sacerdoti che siano “pastori secondo il cuore di Dio”. Come raccogliere questo invito del Papa all’inizio del Terzo Millennio?

R. – Il sacerdote non è stato ordinato per se stesso ma per il popolo di Dio. Quando lui si vede come ministro di Cristo, che è ministro di misericordia, lui si vedrà come pastore che viene dal cuore misericordioso di Gesù.

D. – Il Papa in tante occasioni non ha nascosto le difficoltà che tanti sacerdoti vivono oggi. Fa un richiamo anche in questa Lettera per l’Anno Sacerdotale, in particolare ribadisce l’importanza del Sacramento della Penitenza. Come riavvicinare i fedeli al confessionale?

R. - Il Papa parla del mondo di oggi dove in alcune aree culturali non tanti vanno a confessarsi, non credono di essere peccatori. Allora il sacerdote, come il Curato d’Ars, deve riportare al popolo il senso di Dio. Se accettiamo di essere peccatori possiamo dire: “Mea culpa, mea culpa, mea maxima culpa”, e non colpa di mia suocera, colpa del governo… Così, se il sacerdote stesso è convinto del Sacramento della Penitenza e lui si confessa regolarmente sarà in grado di fare i sacrifici per confessare il popolo come il Curato d’Ars che - come il Papa ha notato - sedeva in confessionale 16 ore al giorno e il resto del tempo era davanti al Santissimo.

D. - Benedetto XVI scrive nella Lettera che il celibato è un “dono da vivere in pienezza” proprio mentre anche nella Chiesa c’è chi vorrebbe metterlo in discussione. Un sua riflessione a riguardo…

R. - La mia riflessione è che il celibato sacerdotale non è un tema da discutere ma è un dono da vivere. Dobbiamo ringraziare per questo dono che non manca nella Chiesa da secoli. Ci sono quelli che invece di pregare impiegano il tempo a discutere. San Giovani Maria Vianney guardava al tabernacolo con gli occhi di un innamorato, aveva un tale amore per Gesù che la castità seguiva come conseguenza necessaria. I grandi Santi, San Giovanni Bosco, il Curato d’Ars, San Tommaso d’Aquino, San Bonaventura, loro non spendevano il tempo a discutere il celibato ma a vivere l’amore di Dio.

D. - Il Papa nella Lettera ricorda con tenerezza il suo parroco. Lei ha dei ricordi particolari di un sacerdote, di un parroco legato alla sua infanzia?

R . – Il primo sacerdote che ho conosciuto è stato beatificato da Papa Giovanni Paolo II. E’ il Beato Cipriano Michele Iwene Tansi. Lui ha cominciato nella nostra parrocchia nel 1939 e lì mi ha battezzato nel 1941. Io ero il suo chierichetto di Messa nel 1945. Guardando questo sacerdote si voleva essere come lui ed è molto significativo che nelle due parrocchie dove lui ha lavorato ci siano tante vocazioni al sacerdozio e alla vita religiosa.

www.oecumene.radiovaticana.org
34 READERS ONLINE
INDEX
RSS Feed
back to the first page
printer-friendly
CARDINALS
in alphabetical order
by country
Roman Curia
under 80
over 80
deceased
ARTICLES
last postings
most read articles
all articles
CONTACT
send us relevant texts
SEARCH