Francis Cardinal Arinze Francis Cardinal Arinze
Function:
Prefect of Divine Worship and the Discipline of the Sacraments, Roman Curia
Title:
Cardinal Priest of S Giovanni della Pigna
Birthdate:
Nov 01, 1932
Country:
Nigeria
Elevated:
May 25, 1985
More information:
www.catholic-hierarchy.org
Send a text about this cardinal »
View all articles about this cardinal »
Italian Il cardinale Arinze: tutti abbiamo contribuito alla morte di Gesù
Mar 22, 2008
Il Venerdì Santo ci ricorda che Cristo è morto per i nostri peccati.

(Radio Vaticana, 21/03/2008) Tutti noi abbiamo contribuito in vario modo con i nostri peccati alla sua Passione e alla sua morte in Croce. Ascoltiamo la riflessione del cardinale Francis Arinze, prefetto della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei Sacramenti, intervistato da Giovanni Peduto:

R. – Tutti noi siamo colpevoli, chi più, chi meno. Ma tutti noi abbiamo contribuito. Ha dato la sua vita per tutta l’umanità. Gesù è morto – come Giovanni l’evangelista dice al capitolo 11 – per raccogliere tutti i Figli di Dio dispersi. E’ vero che, immediatamente, sono i capi degli Ebrei di quel tempo e Ponzio Pilato che hanno mancato di giustizia, di verità, di carità ... Però, noi non siamo innocenti. Ogni peccatore può dire in verità: “Gesù è morto sulla Croce per me!”. San Paolo ci dà l’esempio.


D. – Prima di esalare l’ultimo respiro, Gesù grida: “Dio mio, Dio mio perché mi hai abbandonato?”. Qual è il significato vero di questo grido?


R. – Sono le parole iniziali del famoso Salmo 22, quel salmo che mostra grande sofferenza, grande agonia ma anche grande fiducia in Dio. Allora, chi legge quel Salmo per intero, vede anche dove dice che confida in Dio. E’ per dimostrarci che Gesù veramente ha sofferto sulla Croce: non è una vuota apparenza! Lui è veramente Uomo, ma è anche Dio, e in quanto Dio non può soffrire, come Uomo non solo può soffrire, ma ha sofferto grande, grande angoscia. Eppure, ha sempre detto: “Padre, non secondo la mia volontà [umana], ma secondo la Tua volontà!”. Perciò, Gesù si offre. Ma ha sofferto, e in quella sofferenza quasi che il Padre l’avesse abbandonato ... Ma Lui sapeva che il Padre non l’aveva abbandonato, ma era una manifestazione della profondità della sofferenza.
46 READERS ONLINE
INDEX
RSS Feed
back to the first page
printer-friendly
CARDINALS
in alphabetical order
by country
Roman Curia
under 80
over 80
deceased
ARTICLES
last postings
most read articles
all articles
CONTACT
send us relevant texts
SEARCH