Francis Cardinal Arinze Francis Cardinal Arinze
Function:
Prefect of Divine Worship and the Discipline of the Sacraments, Roman Curia
Title:
Cardinal Priest of S Giovanni della Pigna
Birthdate:
Nov 01, 1932
Country:
Nigeria
Elevated:
May 25, 1985
More information:
www.catholic-hierarchy.org
Send a text about this cardinal »
View all articles about this cardinal »
Italian Il cardinale Arinze: ogni credente è chiamato alla santità
Nov 04, 2007
La Chiesa celebra la Solennità di Tutti i Santi.

(Radio Vaticana, 01/11/2007) Oggi la Chiesa celebra la Solennità di Tutti i Santi: il Papa alle 12.00 si affaccerà dalla finestra del suo studio privato per la recita dell'Angelus con i pellegrini giunti in Piazza San Pietro. Ma sul senso di questa festa e sul significato della comunione dei Santi ascoltiamo la riflessione del cardinale Francis Arinze, prefetto di Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, al microfono di Giovanni Peduto:

R. – La comunione dei Santi è l’unità di tutti coloro che credono in Cristo: quelli che sono già arrivati nella casa del cielo; quelli che sono in Purgatorio; e quelli che sono ancora sulla terra. E’ la Chiesa vista nelle tre stagioni: noi, pellegrinanti sulla terra; quelli che sono arrivati in Purgatorio e che anche se al momento ancora soffrono, sono sicuri di andare poi in cielo; e quelli che sono già arrivati a casa, in cielo. La celebrazione del 1° novembre mette l’enfasi sui nostri fratelli e sorelle che sono già arrivati in cielo, con Dio e che possono vedere Dio com’è, per sempre.

D. – Cosa intendere per intercessione dei Santi?

R. – I Santi in cielo possono pregare per noi. Se, ad esempio, quando Padre Pio poteva pregare per noi quando era in terra, tanto più lo può fare ora che è in cielo, cominciando proprio da Maria Santissima, gli Angeli ed i Santi. Loro, quindi, pregano per noi, intercedono per noi, come fedeli, come parrocchie, come diocesi, per tutta la Chiesa. E’ in questo senso che diciamo che i Santi pregano per noi ed ognuno di noi ha il suo Santo patrono e generalmente è bene prendere il nome di qualcuno in cielo, come proprio protettore santo.

D. – Tutti siamo chiamati a diventare santi, ma cosa si intende per questa chiamata universale alla santità?

R. – La santità è la pienezza della carità. Chi ha più amore per Dio e per il prossimo, è santo. Così è stato definito il Concilio Vaticano II. La chiamata alla santità non è un qualcosa riservato soltanto a qualcuno, ma è rivolta a tutti la chiamata universale alla santità. Così insegna il Concilio nel grande documento della Lumen Gentium e così la Chiesa propone per la nostra ammirazione, imitazione i Santi in diverse situazioni e vocazioni nella vita. Ci sono sacerdoti e noi sappiamo che sono molti, come Tommaso d’Aquino, Giovanni Bosco, Giovanni Maria Vianney, religiosi come San Benedetto, San Bernardo, Teresa d’Avila, Teresa di Lisieux e la Beata Teresa di Calcutta. Ma non solo, ci sono anche i laici: basta pensare a Tommaso Moro, Carlo Lwanga, Santa Maria Goretti, martire a soli 11 anni, i Beati Luigi e Maria Beltrami Quattrocchi, marito e moglie, Gianna Beretta Molla e tanti altri ancora. L’Apocalisse dice 144 mila: un numero che non si può contare, che include tutti i popoli, tutte le culture e tutte le nazioni che cantano il nuovo canto dell’Agnello di Dio, di Cristo Redentore. E’ la chiamata per tutti noi.

D. – Anche lei, eminenza, avrà qualche Santo che invoca più spesso?

R. – Senza dubbio. I miei patroni carissimi sono San Francesco d’Assisi e San Francesco Saverio, perché ho preso lo stesso nome di battesimo e di cresima. Certamente tutti i Santi sono grandi, ma questi due sono sicuramente più cari a me, proprio perché io porto il loro nome e loro mi danno l'esempio su come andare avanti. Ma sono anche molto legato al Beato Cipriano Michele Tansi, quel sacerdote nigeriano che mi ha battezzato, che mi ha confessato la prima volta e mi ha conferito la Prima Comunione: io ero il suo chierichetto nel 1945 e Papa Giovanni Paolo II lo ha beatificato proprio nella sua diocesi nel 1998. Non potevo certo esserne indifferente.
46 READERS ONLINE
INDEX
RSS Feed
back to the first page
printer-friendly
CARDINALS
in alphabetical order
by country
Roman Curia
under 80
over 80
deceased
ARTICLES
last postings
most read articles
all articles
CONTACT
send us relevant texts
SEARCH