Péter Cardinal Erdõ Péter Cardinal Erdõ
Function:
Archbishop of Esztergom-Budapest, Hungary
Title:
Cardinal Priest of St Balbina
Birthdate:
Jun 25, 1952
Country:
Hungary
Elevated:
Oct 21, 2003
More information:
www.catholic-hierarchy.org
Send a text about this cardinal »
View all articles about this cardinal »
Italian Il cardinale Erdő: un momento di grazia il pellegrinaggio in Turchia dei vescovi del Sud-Est Europa
Mar 19, 2009

Si è svolto in questi giorni il IX Incontro dei presidenti delle Conferenze episcopali del Sud-Est Europa sul tema “Identità cristiana in un mondo multiculturale e multietnico”. Quest’anno, in occasione dell’Anno Paolino, l’evento ha avuto la forma del pellegrinaggio in Turchia. I partecipanti hanno voluto incontrare le comunità cristiane di questo Paese, “oggi tanto sofferenti” a causa del mancato riconoscimento giuridico. Una situazione che ha come conseguenza una forte restrizione dell’autonomia di gestione delle comunità religiose negli ambiti non soltanto amministrativi ed economici ma anche pastorali e spirituali. I presuli europei chiedono alla Turchia di non riconoscere soltanto la mera “libertà di culto” ma di garantire una vera e propria “libertà religiosa”. D’altra parte, durante l’incontro (cui hanno preso parte i vescovi di otto Conferenze episcopali: Albania, Bosnia ed Erzegovina, Bulgaria, Grecia, Moldavia, Romania, Turchia e la Conferenza episcopale internazionale Santi Cirillo e Metodio) è stato messo in luce che in questi Paesi del Sud-Est Europa l’identità cristiana è compromessa dall’ateismo passato, dal laicismo attuale e dal consumismo che incalza e che sta deteriorando il già fragile tessuto sociale. Nel comunicato finale dell’incontro c’è un forte invito alla speranza di fronte ad una umanità che sempre più vive senza aspettarsi nulla da un futuro ultraterreno, sfociando spesso nella disperazione. Ma su questo evento ascoltiamo uno dei partecipanti, il cardinale Péter Erdő, primate d’Ungheria e presidente del Consiglio delle Conferenze episcopali d’Europa, intervistato da Marta Vertse:


R. – E’ stato un momento di grazia, una profonda esperienza spirituale per tutti noi. Abbiamo ricevuto dei suggerimenti per quanto riguarda il lavoro comune per promuovere i valori cristiani, morali, e per identificare il metodo per affrontare le sfide del nostro tempo.


D. – Eminenza, quali sono i punti salienti del comunicato finale dell'incontro?


R. - Abbiamo sottolineato, proprio in base alle testimonianze dei vescovi della regione, che la base della nostra identità non è soltanto una eredità culturale, una coesione etnica di diversi popoli con la tradizione cristiana, ma che il vero centro della nostra identità è la persona di Cristo e, quindi, abbiamo il dovere di trasmettere la nostra fede perché senza di questo non conserviamo l’identità cristiana. Seguendo l’esempio di San Paolo dobbiamo prendere atto della nostra realtà, della vita che ci circonda, anche della distanza culturale e umana di molti ambienti dalla nostra fede e tutto ciò viene però superato dall’amore cristiano e dalla verità di Cristo. Abbiamo parlato anche della necessità di un insegnamento della fede più profonda, di una catechesi migliore e anche della necessità di trattare con le autorità civili che guidano queste società per avere le possibilità dell’esercizio della nostra religione, per avere la possibilità di svolgere la nostra missione. Alla fine del documento abbiamo appoggiato la richiesta di mons. Padovese, presidente della Conferenza episcopale della Turchia, che da tempo ha chiesto la possibilità che nella chiesa cristiana di Tarso, che è attualmente un museo, sia concessa la possibilità di celebrare la liturgia anche dopo il termine dell’Anno Paolino perché veramente si registra un flusso notevole non tanto di turisti ma di pellegrini.
45 READERS ONLINE
INDEX
RSS Feed
back to the first page
printer-friendly
CARDINALS
in alphabetical order
by country
Roman Curia
under 80
over 80
deceased
ARTICLES
last postings
most read articles
all articles
CONTACT
send us relevant texts
SEARCH