Roger Marie Élie Cardinal Etchegaray Roger Marie Élie Cardinal Etchegaray
Function:
President Emeritus of Justice and Peace, Roman Curia
Title:
Cardinal Bishop of Suburbicarian See of Porto-Santa Rufina
Birthdate:
Sept 25, 1922
Country:
France
Elevated:
Jun 30, 1979
More information:
www.catholic-hierarchy.org
Send a text about this cardinal »
View all articles about this cardinal »
Italian Il Cardinale Etchegaray consegna una reliquia di Sant’Andrea alla Chiesa Ortodossa Greca
Mar 01, 2006
Il Cardinale Roger Etchegaray, Presidente emerito del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace, ha consegnato questa domenica una reliquia di Sant’Andrea al Vescovo ortodosso greco Agathangelos, di Fanarion, rappresentante dell’Arcivescovo di Atene e di tutta la Grecia Christodoulos.

CITTA’ DEL VATICANO, lunedì, 27 febbraio 2006 (ZENIT.org).- L’atto di consegna della reliquia, sollecitata dallo stesso Arcivescovo Christodoulos, ha avuto luogo nella parrocchia romana della  Trasfigurazione di Nostro signore Gesù Cristo, il cui parroco è don Battista Angelo Pansa.

La reliquia sarà quindi portata ad Atene questa settimana per poi essere esposta alla venerazione dei fedeli nella chiesa ortodossa ateniese di Santa Barbara.

Le reliquie dell’Apostolo Andrea giacciono dal 1208 nell’altare della cripta della Cattedrale di Amalfi. Furono trasportate lì dal Cardinale Pietro Capuano da Costantinopoli, dopo l’occupazione di questa città, avvenuta nel 1206 in occasione della Quarta Crociata.

Con questo gesto, l’Arcivescovo di Amalfi, monsignor Orazio Soricelli, ha voluto compiere un passo in direzione dell’ulteriore avvicinamento fra la Chiesa cattolica e la Chiesa Ortodossa Greca.

L’Apostolo Andrea gode di una particolare venerazione presso la Chiesa greca. E’ qui, infatti, secondo quanto ci racconta lo storico Eusebio di Cesarea (ca. 265-340), che egli dopo aver predicato il Vangelo in Asia Minore e nella Russia meridionale, finisce per guidare la comunità cristiana a Patrasso, subendo anche il martirio per crocifissione intorno all’anno 60.

Nel 357 i suoi resti vennero portati a Costantinopoli, tranne il capo che restò a Patrasso, prima di essere portato a Roma dopo l’invasione dei Turchi in Grecia, nel 1460, da cui ritornerà a Patrasso, quando il papa Paolo VI, nel 1964, farà restituire la reliquia a questa Chiesa locale.

Nella celebrazione di domenica, il Cardinale Etchegaray ha consegnato la reliquia in una custodia che il Vescovo Agathangelos, che è anche Direttore Generale del Collegio Teologico della “Apostolikí Diakonia” della Chiesa Ortodossa di Grecia, ha baciato e mostrato ai fedeli.

Il Vescovo greco Agathangelos, a capo di un gruppo di sacerdoti e seminaristi del Collegio Teologico della “Apostolikí Diakonia” giunti in visita a Roma in questi giorni, ha contraccambiato donando una icona al Cardinale Etchegaray ed un’altra raffigurante la Trasfigurazione al parroco don Battista Angelo Pansa.

Il Vescovo ortodosso di Fanarion ha quindi detto che sia lui che gli studenti sono giunti a Roma “come pellegrini per inginocchiarsi di fronte alle tombe degli Apostoli” ed ha confessato che “in questa splendida chiesa della Trasfigurazione sentiamo la forza della fede e vediamo i volti dei fedeli uniti ai nostri”.

“In un periodo in cui si assiste all’avanzata del male, noi cristiani dobbiamo contrapporci ad esso con fede, carità e speranza”, ha rimarcato.

Il Vescovo, a nome di Sua Beatitudine Christodoulos, ha quindi espresso profonda gratitudine per il generoso omaggio di questa “preziosissima reliquia”, rivolgendosi alla Chiesa cattolica come ad “una Chiesa sorella”.

Il Collegio Teologico della “Apostolikí Diakonia” ha offerto un concerto di musica bizantina prima della consegna della reliquia. Successivamente si è tenuta una celebrazione eucaristica, durante la quale il Cardinale Roger Etchegaray ha amministrato la Cresima a otto giovani.

In memoria di don Andrea Santoro

La celebrazione è stato anche un momento per stringersi intorno al ricordo di don Andrea Santoro, il sacerdote assassinato il 5 febbraio scorso a Trebisonda, in Turchia, e che per dieci anni aveva lavorato presso la parrocchia della Trasfigurazione. Il Cardinale Etchegaray ha rivelato di “aver pregato in maniera particolare per don Andrea Santoro di fronte alla reliquia di Sant’Andrea”.

Don Battista – che conosceva don Andrea da trentotto anni, dai tempi cioè in cui frequentavano insieme il Seminario Romano Maggiore – ha ricordato poi pubblicamente di aver appreso la notizia della morte di don Andrea Santoro due minuti dopo aver ricevuto la telefonata dal Cardinale Etchegaray, in cui il porporato gli confermava la visita della delegazione greca alla sua parrocchia.

“Sono coincidenze che ci mostrano il vincolo speciale di questa parrocchia con l’Oriente e la necessità dell’unità fra popoli e religioni”, ha sottolineato il parroco.

La visita di studio a Roma dei sacerdoti e seminaristi della Facoltà di Teologia del Collegio della Diaconia Apostolica, dal 24 al 28 febbraio, è stata preparata dal Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani insieme al Comitato Cattolico per la Collaborazione Culturale con gli Ortodossi.

Durante la loro permanenza a Roma gli studenti hanno avuto modo di visitare la Biblioteca Vaticana, il monastero di Santa Maria di Grottaferrata, le diverse Basiliche romane e la Pontificia Università Gregoriana. Questo lunedì, infine, sono stati ricevuti in udienza da Benedetto XVI.
43 READERS ONLINE
INDEX
RSS Feed
back to the first page
printer-friendly
CARDINALS
in alphabetical order
by country
Roman Curia
under 80
over 80
deceased
ARTICLES
last postings
most read articles
all articles
CONTACT
send us relevant texts
SEARCH