Angelo Cardinal Scola Angelo Cardinal Scola
Function:
Patriarch of Milano, Italy
Title:
Cardinal Priest of Seven Most Holy Apostles
Birthdate:
Nov 07, 1941
Country:
Italy
Elevated:
Oct 21, 2003
More information:
www.catholic-hierarchy.org
Send a text about this cardinal »
View all articles about this cardinal »
Italian Scola: «Ho il cuore pieno di dolore Milano sia un esempio per tutti»
Jan 25, 2012

«È un misfatto che riempie il cuore di indignazione ma soprattutto di dolore. Fa emergere la forza del male nella nostra vita personale e associata».
Il cardinale Angelo Scola entra nel tempio civico di via Torino accompagnato dal comandante dei vigili, Tullio Mastrangelo. È la festa di san Sebastiano martire, patrono dei vigili: a lui è dedicata la chiesa. Parla di Nicolò Savarino, l'agente di polizia locale ucciso.
L'arcivescovo è di ritorno dalla camera ardente di Nicolò, ha parlato a lungo con i familiari, ora si rivolge ai vigili presenti, a tutti coloro che come lui si spendono per consentire alla società di vivere. Offre «grande riconoscenza, «solidarietà e vicinanza per il grave lutto», «sostegno e riconoscimento verso quanti, come voi, servono la vita comune a vantaggio di tutti».
Quando nomina Nicolò, la commozione corre tutto attorno la chiesa strapiena. In prima fila siedono il sindaco, Giuliano Pisapia, il vicesindaco Mariagrazia Guida e l'ex vicesindaco Riccardo De Corato, l'assessore Marco Granelli. Scola chiede di «suscitare uomini capaci di virtù ed edificazione personale e sociale». Il pensiero va all'esempio di Nicolò. Parla di «pro-vocazione al cambiamento personale» prima di sollevare lo sguardo sull'intera città, su tutta Milano e sull'importanza del suo cambiamento in direzione di «un'amicizia civica», di «un essere insieme da scegliere come bene politico», verso «una vita buona». Una città dove la morte di Nicolò, viene da pensare, semplicemente non sarebbe stata possibile.
Milano è anche lei un po' caput mundi, «una città come la nostra deve lottare perch´ cose di questo tipo non si ripetano» e «il cambiamento della metropoli decide per le sorti di tutta l'umanità, non solo dell'Italia e del mondo».
Non è facile credere al bene quando il male assedia e sembra avere l'ultima parola, come nel caso del vigile travolto nel tentativo di fare il proprio dovere, dei due clochard uccisi dal freddo («i due uomini di strada», li chiama con delicato realismo il cardinale), delle «vittime della nave Costa». Eppure è il paradosso della fede, che indica ai battezzati («e la stragrande maggioranza della nostra diocesi è composta di battezzati, sacramento che non si scioglie mai») la resurrezione di Cristo «come garanzia per restare lieti nella prova». Il pensiero più confortante davanti alla morte: Gesù è risorto e risorgeremo anche noi.
Scola rilegge la beatitudine appena proposta dal Vangelo: «Vi insulteranno e disprezzeranno a causa del Figlio dell'Uomo. rallegratevi in quel giorno». Commenta: «Luca indica una strada assai paradossale e controcorrente, uno stile rovesciato che va contro la logica del mondo». Lo stile di un semplice uomo che, con la sua piccola bici, sfida Golia sul Suv.

http://www.ilgiornale.it/milano/scola_ho_cuore_pieno_dolore_milano_sia_esempio_tutti/21-01-2012/articolo-id%3D568099-page%3D0-comments%3D1&ct=ga&cad=CAcQAhgAIAAoATACOAJA583r-ARIAVAAWABiAml0&cd=v3EPkP7kuEc&usg=AFQjCNHpTnAlRJNaJvofx1gsiCKjsGt6aQ
50 READERS ONLINE
INDEX
RSS Feed
back to the first page
printer-friendly
CARDINALS
in alphabetical order
by country
Roman Curia
under 80
over 80
deceased
ARTICLES
last postings
most read articles
all articles
CONTACT
send us relevant texts
SEARCH